7 thoughts on “Quando i castighi non servono

  1. hermione Risposta

    Da quel che racconti, più che una punizione sembra una strategia preventiva adottata per evitare il ripetersi degli incidenti. Del tipo, adesso state fermi e zitti così non potete causare problemi. La butto lì, ma non è che le insegnanti temendo, a torto o ragione, di non ottenere collaborazione da parte dei genitori dei “colpevoli” hanno optato per questa soluzione sbrigativa?

    • Mammaalcubo Autore articoloRisposta

      Sicuramente è stata pensata così per evitare che si ripetano episodi spiacevoli, ma il regime talebano vige solo da una settimana proprio a seguito dell’episodio, e solo per le due classi coinvolte.
      Non è che prima si facessero partite a pallone nel salone, ma si poteva chiacchierare e giocare a carte tranquilli, ora non possono alzare gli occhi dal libro che vengono ripresi.
      Ho chiamato per avere spiegazioni e per sapere quando si sarebbe tornati alla normalità, ma non mi hanno saputo dire nulla perchè in Comune non erano nemmeno al corrente dell’accaduto. Altro che colloqui con i genitori o i bambini, siamo ancora all’era Archeozoica…

  2. Ketty Risposta

    L’aspetto più intollerabile di questa situazione è che il giusto paghi per l’ingiusto. Vai, Deborah! Facci sapere come si evolve la situazione!

  3. elisabetta Risposta

    Se c’era una cosa a scuola che mi faceva arrabbiare era quando tutti dovevano “pagare” per colpa dei soliti, soprattutti quando TUTTI sapevano chi erano questi soliti. E poi NON si punisce con un libro… gli fai odiare anche quello!!!! Comodo dire: state tutti fermi e zitti… ma questa è gente che ha studiato come approcciarsi con i bambini (e rispettivi genitori?)??? Vai Deborah e fatti sentire!!!!! Un abbraccio Eli

  4. Mammaalcubo Autore articoloRisposta

    Aggiornamenti dal fronte: pare che la situazione sia rientrata. Altri genitori si sono lamentati e le educatrici che avevano preso l’iniziativa in autonomia sono state richiamate all’ordine. Speriamo non si ripeta più 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *