Per un Natale semplice

A Natale si diventa tutti più buoni, dicono. A Natale puoi fare quello che non puoi fare mai, se compri il pandoro giusto. A Natale devi avere l’ultimo modello di iphone, l’iwatch, la Play. Invece io per questo Natale sento solo voglia di silenzio. La pubblicità mi dà un fastidio tremendo, i centri commerciali non li posso sopportare in questi giorni, così come la finzione e il vuoto che si nasconde dietro certe cose.

Per questo Natale ho bisogno di cose semplici, non mi interessa cercare l’outfit perfetto, la tavola dei sogni, il trucco da star, lo smalto, i tacchi. Sono antipatica questo Natale, ma se non mi libero di tutta la fuffa che ho intorno mi sento soffocare e rischio di perdere di vista le cose più importanti.

Come la recita di Nicolò, che è salito sul palco gli ultimi minuti dello spettacolo impersonando un Re Magio. Il suo primo vero spettacolo in un teatro, il mio ultimo da mamma e un groviglio di emozioni che non si possono digitare. Giorni e giorni di prove per un “Io porto mirra, profumo dell’Oriente” e chiudere la recita tutto fiero e soddisfatto per il suo debutto da attore.

Come la scuola di Gabriele che stiamo scegliendo per la sua prossima tappa. Abbiamo cominciato in quarta a guardarci in giro perchè la scuola del paese non mi ispira per niente e vorrei cercare qualche alternativa. Siamo stati a due open days: il primo coinvolgente e quasi irreale per le belle sensazioni che ci ha lasciato, il secondo tristissimo e abbastanza deludente. Ovviamente la prima scuola è quella più lontana e comporterebbe alzarsi alle 6.30 ogni mattina e stare tre quarti d’ora sul pullman, la seconda è più vicina e sarebbe molto più comoda. Stiamo valutando pro e contro, facendo ipotesi e sentendo pareri di chi ci è già stato per avere più informazioni possibili e cercare di fare la scelta migliore.

So che è uno sbattimento da molti giudicato inutile, ma per me la scelta della scuola è importantissima perchè studiare non è solo un imparare delle nozioni.

non solo nella mente. Questo qualcuno deve avere i tuoi stessi valori, deve educare, deve trasmettere fiducia e deve dare delle risposte, cosa che ho visto non essere così ovvia. Per questo vedremo almeno un’altra scuola e poi metteremo insieme tutti i pezzi.

Per questo Natale ho più bisogno di famiglia e di circondarmi di gente “vera”. La mia vita in questi mesi si sta riempiendo di persone così, mentre sto prendendo le distanze da chi sento non capire questa mia esigenza. Anche il blog è un po’ stagnante perchè sento il bisogno di rinnovarlo, semplificarlo e allo stesso tempo arricchirlo.

Auguro anche a te un Natale semplice, profondo, vero.

albero natale legno

Ci rileggiamo presto con qualche bella, spero, novità!

8 thoughts on “Per un Natale semplice

  1. Drusilla Risposta

    La scelta della scuola e’ fondamentale quindi il mio consiglio è di scegliere quella che più ti è piaciuta anche se più lontana.
    Anche noi quest’anno avevamo bisogno di stare tra noi in modo semplice e vero.

    • Mammaalcubo Autore articoloRisposta

      Anche io sono per la più lontana anche se comporterà qualche sacrificio in più. Ne vorrei vedere una terza giusto per non escludere nessuna possibilità.
      Intanto ci godiamo questi giorni a casa per rallentare un po’ i ritmi e stare di più insieme 🙂
      Buon anno a tutta la famiglia nel deserto!

  2. elisabetta Risposta

    L’altro giorno ho letto una frase che diceva: insegnare non è riempire un secchio ma accendere un fuoco. E’ proprio questo che ogni mamma vorrebbe per la scuola dei suoi figli!
    Ma è difficile riscoprire questi valori semplici, come la passione nel fare il proprio lavoro (anche negli insiegnanti), passare un Natale sobrio senza tutta ‘sta fuffa intorno!!!
    Anche io quest’anno sono un po’ icarognita… sarà nell’aria della nostra pianura Padana!!!
    Speriamo passi… buone feste! Eli

  3. Mamma Avvocato Risposta

    Guarda, io ho girato tre scuole solo per la scelta della materna, quindi capisco benissimo i tuoi dubbi e penso che sia una scelta importantissima, anche se sottovalutata dai più.
    Quanto al resto, non potremmo essere più in sintonia.
    Ti auguro di riuscirci, con tutto il cuore!!

    • Mammaalcubo Autore articoloRisposta

      Grazie per la solidarietà! Per fine gennaio chiudiamo i pellegrinaggi alle scuole così abbiamo tempo di valutare con calma.
      Finalmente ho trovato i tuoi commenti, erano annegati in mezzo allo spam, non so perchè!!!

  4. Pingback: Fine anno col botto | Mamma al cubo

  5. Pingback: La scelta della scuola media | Mamma al cubo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *