Dall’osteopata per curare il sonno – parte 2

Vi ho raccontato nella premessa ieri come abbiamo risolto i problemi di sonno di Nicolò portandolo dall’osteopata. Ora vi racconto il resto della storia.

Cosa è successo dall’osteopata

La seduta comincia con il mio racconto della situazione e una serie di domande da parte dell’osteopata su un’eventuale familiarità di disturbi del sonno, allergie, alimentazione, travaglio e parto, salute generale e malattie, eventuali traumi.

Poi facciamo sdraiare Nicolò a pancia in su e l’osteopata si mette con le mani appoggiate alla sua testa in ascolto. Nico passa dal primo classico “Non voglio” a continuare a ripetere “Ho sonno”, in maniera ritmica, come una cantilena. Chiude gli occhi. Abbraccia il suo Pippo continuando a biascicare il mantra “Ho sonno”, fino a farlo diventare una specie di lamento, un “mmm” a ritmi regolari.

Vi assicuro che è stato commovente tenergli la manina mentre la sua tensione e il nervosismo piano piano sparivano. Non l’avevo mai visto così.

L’osteopata ci ha quindi spiegato che il leggero “respiro” che si dovrebbe sentire toccando le ossa del cranio in lui era bloccato, a causa di una rigidità a livello occipitale rimasta dopo il parto. Quello che avrebbe fatto sarebbe stato sbloccare i punti chiave del cranio e dell’osso sacro per far ripartire il normale movimento del fluido cerebrospinale.

Il sistema cranio-sacrale comprende le membrane e i fluidi cerebrospinali che sostengono e proteggono il cervello e il midollo spinale. Si estende dalle ossa del cranio e della faccia, fino al sacro. Quando il fluido cerebrospinale si muove (con una frequenza variabile fra i sei e i dodici cicli al minuto) si spostano anche le membrane che lo contengono. Tuttavia può capitare che a seguito di traumi, tensioni, stress fisici, tale movimento sia ostruito o interrotto.

Il trattamento osteopatico può curare moltissimi disturbi (ad esempio emicrania, dolore cronico a collo e schiena, problemi motori, problemi ortopedici, difficoltà digestive, coliche, disfunzioni post-operatorie e post-parto…) ed essendo un metodo dolce, senza farmaci, è indicato per tutti, dal neonato all’anziano.

Arrivati a casa

In macchina si è addormentato e a casa ha voluto rimanere sotto le coperte per un po’. I giorni successivi ha avuto il primo episodio di gastroenterite dell’anno (siamo abbonati purtroppo…) e quindi non fa molto testo, ma una volta guarito ha dormito 11 ore filate per 3 notti di seguito. Mai capitato, MAI.

Da lì si sono alternate notti intere a notti con un unico breve risveglio per bere. Un miracolo.

Altri momenti che mi hanno lasciata senza parole sono stati l’addormentamento e il risveglio. Prima la sera saltava come un grillo fino all’ultimo, quando Morfeo chiamava finalmente anche lui. Leggere una storia e dire una preghierina era difficilissimo, perchè correva su e giù mille volte dal letto di Gabry (è a soppalco e ci sono alcuni gradini per salirci da dietro), facendo venire il mal di mare anche a una come me che il mare lo adora. Adesso quando è stanco sbadiglia, a volte sfrega gli occhi, e ammette senza vergogna di avere sonno. Riusciamo a leggere anche più libricini ogni sera mentre lui ascolta e chiacchiera da seduto con le gambine sotto le coperte. Dice insieme a noi l’Ave Maria.

Alla mattina si sveglia di buon umore, avendo riposato bene, e spesso rimane qualche minuto a rotolarsi nel letto. Prima scattava sull’attenti ancor prima che ci suonasse la sveglia e la giornata cominciava in salita fin da subito.

Ora abbiamo trovato un nuovo equilibrio, fatto di vivacità e allegria di giorno (quelle rimangono, per fortuna!!!), e di riposo di notte.

osteopata

E’ stato bellissimo rallentare. Prendere il giusto tempo per ogni cosa. Ritornare a vedere la vita con occhi diversi, riposati e ottimisti.

 
 

Web Hosting

 
 

39 thoughts on “Dall’osteopata per curare il sonno – parte 2

  1. simona Risposta

    Caspita che racconto!
    è splendido trovare il bandolo della matassa! sono super contenta per voi!

  2. Koko Risposta

    So cosa intendi…spesso io la mattina parto con il piede sbagliato proprio a causa delle notti insonni! Mi hai davvero incuriosita, ora provo a indagare un pochino meglio cosa si può fare dalle mie parti! Grazie!!

  3. MammArch Risposta

    Molto interessante, grazie! Io credo fermamente nell’osteopatia: a mio marito ha risistemato un ginocchio e a me ha fatto rientrare una diastasi dei muscoli rettali di ben 7 cm, derivata dalla prima gravidanza. Porto le mie bimbe dall’osteopata da quando sono nate e fin ora sono molto soddisfatta…dovrebbe anche aiutare la grande 2G a raddrizzarle I dentini da latte onde evitare l’apparecchio, speriamo. Intanto sogni d’oro 😉

  4. Silvana - Una mamma green Risposta

    Cavoli. Una parola mi ha fatto drizzare le antenne: occipitale! Davide è nato con parto cesareo per presentazione occipitale, non riusciva a impegnare il canale e andava in sofferenza (aveva un bozzetto sulla fronte, quando è nato). Vuoi vedere che le due cose sono legate? Ma da che età si può ricorrere all’osteopata? E serve qualcuno specializzato in disturbi del sonno o va bene un osteopata “qualsiasi”? Grazie!

    • Mammaalcubo Autore articoloRisposta

      So che trattano già i neonati, non ci sono limiti di età. Non saprei però se ci sono delle specializzazioni particolari all’interno dell’osteopatia… prova a chiedere un po’ dalle tue parti, se qualcuno ha provato o ne conosce uno: il passaparola diretto serve moltissimo in questi casi!

  5. MammArch Risposta

    L’osteopatia ricerca l’armonia del corpo, da cui deriva anche il corretto posizionamento dei denti. Non li raddrizza in modo diretto come l’odontoiatra, ma in maniera indiretta lavorando su cranio e viso. Per MammaGreen: io ho portato 3G quando aveva 2 mesi e le ha sistemato la posizione un po’ incassata della testa, derivata forse dalle numerose ore passate a cercare di far dilatare il mio collo dell’utero. Come diretto beneficio ha iniziato ad avere meno il singhiozzo e a deglutire meglio durante la poppata. Utile il passaparola, incontra poi l’osteopata e vedi a pelle se ti ispira fiducia o meno 😉

  6. Simplymamma Risposta

    Sono davvero felice di leggere questo racconto…tutto identico…anche il non sbadigliare mai….io fino al osteopatia non l’avevo mai vista fare uno sbadiglio o stropicciar sugli occhi…..ora al mattino è una fatica tirar la giù dal letto 😉

  7. firmatocarla Risposta

    OOOooo e sonno fu.
    Sono felice per voi, perché io senza riposo sono una pazza, una iena, una roba brutta proprio.
    Molto interessante la questione dei fluidi… non ne conoscevo nulla!

  8. Tiziana Risposta

    Ciao, sono Tiziana, mamma di un ciclone umano di 2 anni di nome Pierluigi. Ho trovato il tuo post cercando informazioni sulle difficoltà di prendere sonno nei bambini, e la descrizione di Nicolò calza a pennello anche sul mio cucciolo. Ho visto che sei di Milano, e se possibile vorrei avere il nome dell’osteopata a cui ti sei rivolta.

      • Daniela Risposta

        Ciao Deborah,
        sono Daniela mamma di una bambina di 19 mesi.
        Leggere il tuo post mi ha dato di nuovo un po’ di speranza.
        Dopo aver provato qualsiasi cosa, mi piacerebbe fare un tentativo con l’osteopatia.
        Anche io sono di Milano e vorrei chiederti, come Tiziana, il contatto dell’osteopata a cui vi siete rivolti.
        Grazie in anticipo.

  9. Vanessa Risposta

    Ti prego! Anch’io vorrei i contatti dell’osteopata milanese….credo che se passerò un altro anno a non dormire farò una strage! 🙂 Grazie mille
    V

  10. Yulia Risposta

    Cara Mamma3)) so che il post è datato ma sei la mia ultima speranza… Ho visto il tuo articolo tempo fa quando Ale aveva circa 6 mesi e non dormiva ma ho voluto aspettare nella speranza di vedere miglioramenti, ora ha 14 mesi e continua a non dormire, io sono esausta… Posso chiederti per favore i contatti dell’osteopata? Sono di Milano anche io. Ti ringrazio infinitamente!! Yulia

  11. Monica Risposta

    Ciao mamma, leggendo i tuoi post mi stai dando una speranza! Il mio Edoardo, 3 anni e mezzo, è in lotta con il sonno da quando è nato. Mai dormito una notte filata, neppure con i rimedi suggeriti dal pediatra (melatonina & Co). Sono anch’io di Milano. Se possibile, vorrei i contatti dell’osteopata ( o devo dire maga?) che ha guarito il tuo cucciolo. Grazie mille! Buona giornata ,Monica

  12. Vale Risposta

    Ciao, sto tentando anch’io la via dell’osteopatia, ci spero! Mi daresti il contatto del tuo osteopata per favore? Anch’io sono di Milano. Grazie è grazie del post!

      • mammafelice Risposta

        Ciao!
        Leggo il tuo post e mi si apre il cielo!
        Grazie per aver condiviso questa importante esperienza con noi! Io vivo in Spagna ma tornerò dai nonni a Milano con la piccola nottambula la settimana prossima e ci fermiamo un mesetto. … Se mi mandassi il contatto dell’osteopata te ne sarei eternamente grata! Tentar non nuoce, poi il fatto che sia nata per parto cesareo mi fa pensare che potrebbe essere li il problema… ti ringrazio anticipatamente. Ciao cara!

  13. sara Risposta

    Sono rimasta molto colpita dal tuo racconto, anch’io sono mamma di un bimbo di 14 mesi a cui non piace per niente dormire…
    Si sveglia praticamente tutte le notti e spesso passa anche un’ora-un’ora e mezza prima che riesca a riaddormentarsi!
    Ho molta fiducia nell’osteopatia ma non credevo arrivasse a trattare i problemi legati al sonno dei bambini!
    Posso chiederti i contatti dell’osteopata a cui ti sei rivolta? Credo mi sarebbe di grande aiuto! Grazie mille

  14. Pingback: 50 sfumature di sonno | Mamma al cubo

  15. dibi Risposta

    Ciao io pure sono a caccia di un osteopata per i miei gemelli irrefrenabili, ed essendo di Milano vorrei avere il nome del tuo, mi puoi scrivere please? Grazie!

  16. Anna Moglia Risposta

    Ciao! Ho letto il tuo racconto e sono senza parole… Il mio Pippo di 7 mesi non riesce mai a dormire più di 3/4 ore filate per notte… Sono a pezzi… Siccome abito anche io a Milano, mi potresti cortesemente mandare il nome dell’osteopata che ti ha aiutato? Serebbe davvero un grosso aiuto! Grazie mille!

  17. Patrizia Risposta

    Ciao..mi hai illuminata col tuo racconto e dato una speranza. .potresti girarmi il nominativo e numero del vostro osteopata..ti ringrazio di cuore!

  18. Alessandra Risposta

    Ciao cara mamma al cubo,
    leggo e rileggo la tua storia per coltivare la speranza di poter risolvere anche per il mio cucciolo! Invieresti anche a me il contatto del tuo osteopata?
    Ti ringrazio infinitamente.

  19. Luz Risposta

    C’è speranza… tra poco andremo anche noi. Mio figlio, che ha due anni, dorme senza grossi problemi di giorno, ma di notte ha un sonno disturbatissimo, con risvegli e lamenti, e la sera salta pure lui come un grillo e metterlo a letto è una mission impossible che ci toglie ogni energia. Sono contenta di aver trovato conferma a una cosa che già era nell’aria in famiglia. 🙂

  20. Alessia Risposta

    Ciao, ho visto un tuo post che parlava del osteopatia come rimedio alle notti insonni..
    Sono di Legnano, posso chiederti il nome dell osteopata cui ti sei rivolta? Davvero grazie!
    Alessia

  21. Anna Risposta

    Ciao! Ho letto l’articolo con attenzione..sono una mamma di Milano.. puoi gentilmente darmi privatamente il nominativo per disturbi del sonno nei bambini? Grazie infinite..!

  22. Elena Risposta

    ciao, sono mamma di un bimbo di due anni e mezzo che ha dormito benissimo fino a un anno, poi sono cominciati i risvegli notturni che peggiorano di mese in mese. non pochi e spesso lunghi.
    mi dai il contatto dell’osteopata pediatrico per cortesia?
    grazie!

  23. chiara Risposta

    Ciao-
    puoi lasciare anche a me il nome dell’osteopata?
    mi figlio è grandicello- 10 anni ma da un’anno ha ricominciato con i risvegli notturni e non so più come fare.
    Grazie

  24. elisa Risposta

    ciao supermamma ti prego posso chiederti il numero dell’osteopata di Milano? zoe non dorme o megljo si sveglia mille volte a notte siamo disperati! tinringrazio tanto

  25. Luca Risposta

    Bellissima testimonianza. Purtoppo noi non abitiamo a Milano e dintorni..qualche mamma(o papà se possono scrivere!!)di Venezia o dintorni ha esperienze positivetive e può consigliare un osteopata valido per questa missione?
    Grazie
    Luca (papà al quadrato, non potrò mai essere al cubo come voi o mia moglie 😉

    • Mammaalcubo Autore articoloRisposta

      Grazie Luca. Ti consiglio intanto di provare a chiedere a qualche conoscente dalle tue parti, sicuramente ci saranno degli osteopati in attesa di essere trovati 🙂
      In bocca al lupo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *