Al lavoro Drusilla di Mammeneldeserto!

Buon giovedì! Come promesso, oggi la rubrica Al lavoro, mamma!

Al lavoro mamma

ospita la seconda parte della doppia intervista alle Mamme nel deserto: ecco a voi Drusilla!

Drusilla è mamma di due bimbi cresciuti bilingui fin da piccoli. Come Mimma, aveva un impiego e una laurea che ha scelto di mettere in secondo piano per seguire il marito nel suo lavoro all’estero e far crescere così la sua famiglia unita. Leggendo i post di Drusilla e il suo libro mi sono ritrovata molto simile a lei come persona, pur vivendo una situazione diversa: ci siamo anche viste in coda al caffè al Mammacheblog e sarei rimasta a chiacchierare con lei per ore, come se ci conoscessimo da sempre. In questo periodo sto realizzando che il blog è diventato piano piano parte tangibile e concreta della mia vita, facendo emergere affinità ed emozioni che erano lì nascoste e facevano fatica ad uscire. Dietro ai blog ci sono persone vere, spesse, profonde che magari riesci ad incontrare nonostante le distanze organizzando una visita ad un museo…

Ma non voglio divagare troppo, diamo la parola a Drusilla! Per cominciare, come di rito ecco il suo Mom Identikit:

mom identikit drusilla mammeneldeserto

Drusilla, che lavoro facevi prima di mollare tutto e trasferirti con la famiglia all’estero?

Lavoravo come impiegata addetta alla selezione in un’agenzia di lavoro interinale.

Di quale aspetto del tuo lavoro hai più nostalgia e cosa invece non ti manca assolutamente?

Confesso che il mio lavoro non mi manca, non ho nostalgia di nulla. La cosa che proprio mi pesava era la ripetitività, il fatto di dover fare tutti i giorni le stesse cose, di essere legata a degli orari fissi.

Nello spostamento da un paese all’altro senti mai il desiderio di “rimetterti in pista” con un nuovo lavoro?

Presto partirò per la mia terza destinazione da espatriata. Prima Libia, poi Kuwait ed ora Arabia Saudita. Ogni giorno ci rimettiamo in gioco, essere expat è un po’ come un lavoro, devi riscrivere la tua vita da zero, ricreare l’atmosfera di casa, trovare nuove amicizie, scoprire il paese che ti ospita. Come ha detto Mimma, ogni volta che si atterra in un luogo nuovo mi piace cercare la sua luce nascosta.

Quali sono le difficoltà maggiori per una mamma all’estero che deve ricominciare ogni volta in un nuovo Paese?

Le difficoltà maggiori, oltre alla lingua, sono quelle di riuscire a ricreare un ambiente sereno che ci faccia sentire a casa. Prima di tutto devono stare bene i bambini, quindi è importante trovare la scuola giusta per loro, circondarsi di amici con i quali possono condividere pomeriggi di gioco ed esperienze di vita. Insomma, non fargli mancare nulla dal punto di vista affettivo per farli stare bene, perché quando i bambini sono tranquilli e sereni per noi adulti è tutto più semplice!

Come fai per superarle?

L’ottimismo è il segreto per superare ogni difficoltà, certo a volte non è semplice ma basta crederci. Io e Mimma abbiamo avuto la fortuna di incontrarci un giorno qualunque in un parco giochi e da lì non ci siamo più mollate. Affrontare le difficoltà in due è più semplice e divertente.

Che sogni e progetti hai per il prossimo futuro?

Nel prossimo futuro c’è il mio trasferimento a Riyadh, il mio sogno è quello di trovare una persona speciale come Mimma, ma credo sarà difficile perché lei è unica e inimitabile. Mi auguro di poter costruire qualcosa di stimolante ed interessante anche nella mia prossima destinazione. Poi, come ha detto Mimma ci piacerebbe molto scrivere un altro libro, basterebbe avere un po’ più di tempo per noi!

Dai un consiglio alle mamme che si trovano a vivere un’esperienza simile alla tua.

Vivete l’espatrio come un’opportunità, vivetelo con curiosità e voglia di scoprire un mondo nuovo. Ogni nuova destinazione può regalare esperienze ed avventure indimenticabili in grado di accrescere la propria cultura e la propria personalità. Non si finisce mai di imparare!

 

Grazie Drusilla, ti faccio un grossissimo in bocca al lupo per la tua prossima avventura – anche se non ne avrai bisogno, mi sembra che tu abbia già tutti gli elementi per sfondare!!! – Sono stata contenta di averti conosciuta in questa tua parentesi italiana e ti seguirò con piacere (da qui) in giro per il mondo.

Con questa intervista la rubrica Al lavoro, mamma! va in vacanza. Potete comunque scrivere a info.mammaalcubo@gmail.com se avete storie di lavoro e maternità da raccontare: raccoglierò sempre volentieri le vostre storie e ci rileggeremo a breve 🙂

2 thoughts on “Al lavoro Drusilla di Mammeneldeserto!

  1. drusilla Risposta

    Il piacere è stato tutto mio, veramente!
    Io ci metterò tutta la positività necessaria per far andare alla grande anche questa nuova avventura.
    Un abbraccio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *