5 modi (+1) per giocare con i Lego quando si diventa grandi

Se mi leggi da un po’ avrai capito ormai che siamo amanti – da generazioni – del mattoncino più famoso al mondo: grazie all’eredità plasticosa mia e di mio marito i nostri bambini incastrano pezzi Lego da quando erano nella culla. Al compleanno 100% desideri Lego, nella letterina a Babbo Natale solo set Lego…puoi immaginare quanti ne abbiamo accumulati negli anni e quante ore di gioco sono state spese a costruire.

Il circolo creativo virtuoso è andato liscio fino a poco tempo fa, quando il giovane Jedi ha cominciato ad affacciarsi alla preadolescenza e ha via via diminuito il tempo speso ad attaccare mattoncini e ingranaggi, buttandosi a capofitto nel mondo, sempre fatto di cubi ma virtuale, di Minecraft. Non ha perso del tutto la sua passione per le costruzioni, ma il cambiamento è evidente e mi dispiacerebbe se abbandonasse questo mondo bellissimo dalla creatività senza età e senza confini.

Come per tutte le tappe della vita ad un certo punto arriva il momento di far crescere anche i giochi che hanno accompagnato l’infanzia dei nostri figli: in questo caso servono delle evoluzioni del puro e semplice mattoncino per stimolare e interessare i ragazzi man mano crescono.

Ecco 5 modi (+ 1) per continuare a giocare con i Lego quando si diventa grandi.

LEGO Technic

Se i pezzi semplici cominciano a starti stretti, nella serie Technic la faccenda si complica ad arte (o a tecnologia!): varietà e difficoltà aumentano quanto basta per invogliare a creare e costruire ancora seguendo le istruzioni di un set

macchina-lego-technic-motore

o inventando un nuovo progetto da zero.

mano-robotica-lego-technic

LEGO Power Functions

A rendere il gioco interessante ci pensano le Power Functions: con motori, sensori e telecomandi i modelli costruiti prendono vita e si possono creare infinite nuove possibilità. Macchine telecomandate, treni, ruspe, ruote panoramiche, non c’è che l’imbarazzo della scelta per far muovere le tue creazioni!

power-functions-lego

LEGO WeDo

Con il kit di robotica educativa WeDo 2.0 si muovono i primi passi nel mondo della programmazione in maniera semplice e divertente. Si costruisce in maniera tradizionale, si collegano i sensori e si programma sul tablet grazie ad un software colorato ed intuitivo. L’anno scorso siamo stati con i bambini ad un laboratorio di coding e abbiamo utilizzato questo kit Lego, scoprendo che le vie della programmazione sono infinite!

lego-wedo-2-0

LEGO Mindstorms EV3

Con il Mindstorms andiamo sul pesante (sia come difficoltà che come prezzi) ma questo robot combina un livello avanzato di costruzione e programmazione che non potrà non affascinare i giovani (e anche meno giovani) amanti del mattoncino che hanno spiccato interesse verso i campi STEM (science, technology, engineering and math). È consigliato a partire dai 10 anni e viene usato principalmente nelle scuole.

lego-mindstorm-ev3

LEGO Boost

A metà strada tra il WeDo e il Mindstorm c’è il nuovo Lego Boost: con il nuovo kit si potranno costruire cinque diversi modelli (Vernie il Robot, Frankie il gatto, la Chitarra 4000, il Multi-Tool Rover 4 (M.T.R.4) e un Autobuilder) che potranno essere collegati a dei sensori e ad un motore. Con questo nuovo prodotto la multinazionale danese rende il coding a portata di tutti, una via di mezzo tra esperimento tecnologico e strumento didattico. Aspettiamo l’estate per vedere!

lego-boost

LEGO Digital Designer

Ultima idea che oltrepassa i confini fisici del mattoncino, ma che rimane saldamente ancorata al metodo di costruzione e progettazione modulare: è il software Digital Designer, un programma di design che si può scaricare gratuitamente sia per Mac che per Windows.

lego-digital-designer-macchina

Non è un videogioco ma un vero e proprio programma per costruire in maniera virtuale utilizzando i pezzi che si trovano nella realtà. Accanto ai comandi per selezionare, routare, colorare, nascondere, eliminare, esiste anche la funzionalità che crea le istruzioni della tua creazione in perfetto stile Lego!

Conoscevi già questi prodotti? Li usano i tuoi figli? Potrebbero essere degli spunti per tenere accesa la scintilla della creatività anche quando diventano grandi :-)

10 thoughts on “5 modi (+1) per giocare con i Lego quando si diventa grandi

  1. Priscilla Reply

    Questo è il post del mio compagno, appassionato di lego dalla tenera infanzia. Ora tenta in mille modi di farmi prendere già quelle avanzate da fare con i pupi (nel senso lui le fa e i pupi manco le toccano). Lo farò penare ancora qualche anno…Ora noi usiamo ancora i lego duplo!

    • Mammaalcubo Post authorReply

      Per passare dai Duplo ai Technic c’è da avere pazienza qualche annetto, ma se il papà sponsorizza è tutto più facile :-)

  2. Roby Reply

    Anche il mio appassionato di lego
    Casa piena di lego che ora giacciono abbandonati sulle mensole dall’avvento di minecraft
    Non comprerò più nessun tipo di lego. Verrebbe dimenticato in breve tempo e a me resterebbe un altro pezzo da spolverare

    • Mammaalcubo Post authorReply

      Comprare senza l’interesse del diretto interessato non serve, ovviamente. Speriamo sia solo un periodo di passaggio, chissà… comunque non buttare quelli che ha, potrebbero sempre venire buoni se un domani diventerà papà!

  3. mamma avvocato Reply

    Sai che, a parte il Lego Technic, che c’era già ai miei tempi e con il quale abbiamo giocato, non conoscevo le altre possibilità? Mi giungono nuove e moderne! Chissà che nei rpossimi anni ad un certo punto servano…io lo spero. Per ora noi siamo passati dai Duplo (con cui comunque gioca ancora) al Lego classico e poi gli piacciono anche le app dei giochi Lego sul tablet, quando gli consento di usarle (a dire il vero raramente perchè piccolo così preferisco rimanga sulla fisicità), dalla costruzione di macchine e corse in pista ai combattimenti Ninja.

    • Mammaalcubo Post authorReply

      Alcune tipologie si prestano molto a scuole, corsi, laboratori… ma le devi andare a cercare perché non sono poi così diffusi

  4. paola forconi Reply

    grazie mamma al cubo, mi hai dato delle nuove idee per il mio topastro, alcune le avevo gia’ viste altre no. anche noi siamo amanti del mattoncino e per ora il babbo ci finanzia. speriamo anche per queste. buona giornata. mamyinlove

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>